Costruire un piccolo orto, ma anche allestire un angolo verde sul balcone, significa prendere un grande impegno: quello di mantenerlo vivo a lungo, quindi annaffiarlo regolarmente: soprattutto in estate, questo potrebbe essere un problema viste le vacanze che normalmente che si protraggono per più di qualche giorno. Se non avete nessuno che curi in vostra assenza le piante, dovrete dotarvi di un sistema di irrigazione autonomo: ne volete uno fai da te? Ecco qualche idea da cui prendere spunto!

Cliccate sui link al di sotto delle immagini per conoscere il tutorial completo!

Questo sistema di irrigazione riusa l’acqua prodotta dal sistema dell’aria condizionata domestica, che altrimenti andrebbe dispersa nel terreno o incanalata nelle condutture.

Potete utilizzare le bottiglie di plastica o di vetro per irrigare le vostre piante: vi basterà forare il tappo e capovolgere la bottiglia nel terreno.

Anche i contenitori dei distributori automatici di acqua possono essere riciclati in un sistema di irrigazione.

Dovrete tagliarne uno all’altezza del collo della bottiglia, forare le pareti e versarci dentro il terriccio con la pianta da innaffiare. Infine, dovrete riempire di acqua l’altra parte del contenitore, e coprirla con il primo pezzo come fosse un coperchio.

I pomodori sono piante che hanno delle precise esigenze di acqua: per garantirgliene la giusta quantità potete piantarla in questi contenitori di plastica, seguendo lo schema sotto.

Se abitate in appartamento potete pensare di piantare le piante di fragole e pomodori a testa in giù: in questo modo, annaffiarle sarà molto facile, ad esempio sfruttando il metodo a goccia.

Procuratevi due contenitori di plastica trasparente di uguali dimensioni: foratene uno e fate passare nei fori dei cordini che poi coprirete in parte con il terreno. Riempite l’altro contenitore di acqua e fate in modo che le corde possano trasferire l’acqua dal primo al secondo contenitore.

Anche questo sistema sfrutta un doppio fondo del contenitore per assicurare alla pianta la corretta quantità di acqua.

Procuratevi i contenitori più grandi che trovate in giro: create un doppio fondo e riempitelo di acqua.

Non c’è bisogno di acquistare attrezzatura specifica per l’irrigazione automatica: potete anche trasformare un comune vaso.

Se amate il riciclo, ecco un modo per trovare una seconda vita alle bottiglie di plastica e, allo stesso tempo, prendersi cura delle piante anche a distanza!